Home > Notte di note > La Costituzione non è una puttana, e non si vende

La Costituzione non è una puttana, e non si vende

27 Luglio 2014

Comunque, durante il berlusconismo, artisti, poeti, santi e navigatori venivano pagati per fare propaganda. A sinistra, dico. Ora lo so. Solo che invece di far perdere Silvio, lo rafforzavano. E io non capivo. La comica che parlava di zoccole e altre schifezzuole, gli intellettuali che andavano in televisione a sfottere il nano, i loro amici presentatori, raccomandatissimi come tutti gli altri, che facevano il moralismo lugubre manco fossero Gramsci. Si sentivano tutti sotto dittatura perchè quel giullare di miliardario voleva cambiare la Costituzione. Me la ricordo la gag di quella tale che imitava la giornalista spagnola e urlava: Ve cambiano la Costitutiòn…E mò? Oh bella ciao, bella ciao..abbiamo capito chi li pagava, per parlare o per tacere. E’ solo questione di paga, oh bella ciao, oh bella ciao. E quelle povere olgettine, tutta na caciara, i processi, i servizi sociali, le assoluzioni. Oh bella ciao, bella ciao, quanto si guadagna a fare i rivoluzionari di sinistra? Oh bella ciao, bella ciao, volete vedere che la Costituzione ce la difendiamo davvero, noi, a gratis, nel nome di Gramsci e Calamandrei, dei fratelli Cervi e di Berlinguer, di Moro, di Falcone, di Borsellino, di Livatino, di tutti i poliziotti e i carabinieri morti per lo Stato, di Aldovrandi e di tutti i ragazzini massacrati dallo Stato marcio e impazzito, di Pippo Fava, di Cassarà e Antiochia, di Antonino Agostino e la moglie Ida, incinta di cinque mesi, tutti uccisi dalla mafia. La difenderemo noi questa Costituzione che non è una una puttanella qualunque, nè analfabeta nè dotta, e non si vende. La difenderemo nel nome di Boris Giuliano e Dalla Chiesa, di Mauro de Mauro, del piccolo Giuseppe Di Matteo, vittima di mafia a 11 anni. Non è bastata la Costituzione a salvarci dalla mafia, dalla corruzione, dall’ingiustizia. Ma ci serve per ribellarci, per pretendere una giustizia scritta che per quanto fragile, c’è. Non mi oppongo sterilmente ai cambiamenti ma voglio sapere perchè avvengono, a vantaggio di chi, e con quali conseguenze. 

 

catharina sottile

Categorie:Notte di note Tag:
I commenti sono chiusi.