Home > Edittoriali, gaza a strisce, rassegnata stampa > Di Battista, 5 stelle e la comprensione del terrorismo islamico

Di Battista, 5 stelle e la comprensione del terrorismo islamico

17 Agosto 2014
Ecco, i bimbini hanno cominciato a lanciarsi sulle analisi della politica estera. Di Battista, movimento 5stelle, fa un riassunto della guerra in Iraq e della questione del medioriente che sembra un compitino fatto a scuola. Manca un dato: la tolleranza al terrorismo basta a fermare i terroristi o, forse, appena abbassi un po’ la guardia ti si mangiano? No, perchè questa retorica dei buoni e dei cattivi è decisamente inutile. Americani-siriani-ebrei e l’estremismo islamico con hamas, ysis, Al Quaeda ecc sono tutte bande di cattivissimi. Ma, onorevole Di Battista, se prevalgono quelli dei burka spiegalo a tua sorella, e spiegalo bene. Non è che per grattare un po’ di voti di estrema sinistra dobbiamo fingere di essere possibilisti su questioni come queste. I 5 stelle sono così: un po’ sembra che abbiano ragione poi ripiombi nella desolazione e capisci che fanno marketing, non politica
catha
GENI DI SPINOZA….ANNI DI VIOLENZE VERBALI E MO’ DOBBIAMO MEDIARE COI TERRORISTI? QUANTI SOLDI ARRIVANO DALL’ISLAM, SANTA PACE
Di Battista sull’Isis: “Il terrorista non è un soggetto disumano con il quale non si può dialogare”. Quello è Bersani.
[edelman]
I commenti sono chiusi.