Home > Edittoriali, Notte di note > Voglio un mondo di Ford e Fleming non di madre terese e che guevari

Voglio un mondo di Ford e Fleming non di madre terese e che guevari

31 Agosto 2014
 Con tutto il rispetto per le cooperazioni internazionali e laiche di sinistra e le madre teresa e affini, pace all’anima sua, piantiamola con l’imbroglio: i malati si curano con gli ospedali non con l’amore. E basta con ste chiacchiere. Ne hanno salvati più i vaccini e i soldi della ricerca. Riempirsi la bocca e la testa di sentimenti senza progetti e senza leggi è la peggiore cattiveria che si possa fare ai poveri, ai malati, ai violati del mondo. A loro serve economia, benessere, scienza, ricerca, formazione, classe medica, igiene, dignità che proviene dal lavoro. Mi fido più di chi in Italia o in contesti piccoli combatte per lo sviluppo reale in un Paese che difende la dignità del lavoro che di chi fa battaglie emotive e ideologiche allargate all’universo. Di fatto, non fa un cazzo e lo sa. E vende fumo in cambio di fiducia e fede.

 A San Martino visse un illuminatissimo dottore e ricercatore, Belpulsi (Ne parla Giuseppe Zio nel suo romanzo L’Albero del gelso) che ha insegnato alla gente dell’epoca a lavarsi bene le mani, a non bere acqua non pulita. E ha vaccinato i bambini, salvando generazioni intere e permettendo a quei piccoli di diventare agricoltori, medici, falegnami o fornai. Voglio università che formano gente seria, non canzoni e bandiere o preghiere e segni di croce senza bisturi, garze e diagnosi. E queste cose reali e utili si fanno con lo sviluppo non con la solidarietà a chiacchiere. Chi si crede buono perchè accoglie persone disperate, le valuta con un tariffario e di fatto le deposita in spazi che sembrano tanto canili non è solidale. E’ stronzo e sa di esserlo. Salvare l’umanità povera significa poterla accogliere in un contesto ricco, che la rimetta in forze e ne faccia umanità dignitosa. Distruggere l’economia reale per ingrassare gli speculatori del ‘tanto a testa’ con la scusa del progetto solidale è imbroglio. Io voglio che si lascino vivere gli alberghi di lusso perchè diano lavoro legale e vero a tutti, immigrati compresi.

 E invece distruggiamo ricchezza per incassare quote sulle teste di uomini ridotti a carne da macello, materia prima gratuita per la speculazione. E con il contentino a clerici e laici di sinistra degenere si favorisce il più pericoloso esodo della storia. Inviati in avamposto per occupare la terra degli infedeli.

catharina sottile

Categorie:Edittoriali, Notte di note Tag:
I commenti sono chiusi.